Home - Chi Siamo - Dove Siamo - I nostri orari - L'ABC della schiena - I nostri obiettivi - Consigli quotidiani

 

Consigli quotidiani

 

 

Come sollevare un peso.

Nel sollevare carichi, specie quelli pesanti, i movimenti in flessione ed in rotazione del rachide possono essere causa di attacchi rachialgici, specie nel tratto lombo-sacrale. Se il movimento è inadatto si possono avere lesioni gravi anche se il peso sollevato è modesto o addirittura insignificante. La posizione da evitare assolutamente nel sollevare un peso è quella in cui ci si trova chinati in avanti con la braccia distese e gli arti inferiori rigidi. Bisogna ribadire che questi suggerimenti non sono rivolti soltanto a coloro i quali svolgono lavori pesanti (contadini, manovali etc.), ma a tutti coloro che, per motivi di lavoro, sono soggetti a continue sollecitazioni del tronco (casalighe, commessi, impiegati etc). 

Posizioni acamatiche o di relax.

Illustriamo qui di seguito alcune posizioni che possono essere utilizzate sia durante gli attacchi rachialgici, allo scopo di ottenere una decontrazione di alcuni distretti muscolari, sia durante la giornata per ottenere un rilassamento muscolare. Una posizione importante, da prendere in particolare considerazione, e quella cosidetta "dell'agricoltore". In essa il paziente si presenta appoggiato con la punta dei piedi al suolo, flesso sulle ginocchia, il tronco in avanti, la testa a contatto delle ginocchia e gli arti superiori estesi e proiettati all'indietro. In questa posizione si ottiene una riduzione della lordosi lombare e di quella cervicale con aumento dello spazio intervertebrale in tutti i segmenti del rachide. Si consiglia di mantenere questa posi-zione per 3-4 minuti. Un'altra posizione è quella detta del "cocchiere a cassetta". In es-sa il paziente è seduto su una sedia con l'appoggio sulle tuberosità ischiatiche, gli arti inferiori divaricati e i piedi correttamente appoggiati al suolo. Il tronco è flesso in avanti con la testa in leggera estensione. gli arti superiori sono flessi con i gomiti appoggiati sulle ginocchia. In tal modo si ottiene un raddrizzamento della lordosi lombare e si accentua la cifosi dorsale. Si consiglia di mantenere questa posizione per 10-15 minuti. Una posizione particolarmente utile negli attacchi rachialgici è quella detta da "relax". In questa posizione il soggetto è in posizione supina, con il tron-co correttamente appoggiato al suolo e con gli arti inferiori flessi ed appog-giati su di un piano rialzato. Questa posizione può essere mante-nuta senza limiti di tempo.  

Per concludere, consigliamo un utilissimo accorgimento a coloro che sono costretti a stare a lungo in piedi per a motivi di lavoro. Allo scopo di decontrarre il muscolo ileopsoas e quindi ridurre la lordosi lombare ed appiattire il rachide lombare, consigliamo di appoggiare alternativamente il piede destro e sinistro su di uno sgabello quanto basta a flettere leggermente il ginocchio. 


L'ABC della schiena

I nostri obiettivi

Consigli quotidiani

INFO:   WebMaster |  info@ginnasticaperlaschiena.com |  home
PARTNER:   Gynnic-Club |  Simone Rossi | 
 GinnasticaPerLaSchiena.it
GinnasticaPerLaSchiena.com
© Tutti i diritti riservati

Telefono: 02-7383118